lunedì 4 aprile 2016

BENVENUTI AL B&BIA/1



Rieccoci per la seconda puntata, dedicata alla trasformazione di un appartamento provato da 8 anni di affitto.
Nella precedente puntata vi avevo illustrato la trasformazione della zona living, ora passo al resto dell'appartamento.
Come detto precedentemente, abbiamo cercato di riutilizzare tutto quello che era già presente nella casa, effettuando, però un restiling che cancellasse i segni dell'usura e ne rinnovasse l'aspetto.

Come prima cosa, la vecchia isola della cucina:




La foto non è chiarissima, comunque l'isola era formata da tre mobiletti, due alti e stretti ai lati e uno basso al centro. È bastata una mano di vernice e una carteggiata ai pomelli, e sono tornati come nuovi:





I due alti e stretti sono diventati un armadietto in bagno, quello basso e largo è diventato il comodino della seconda camera.

Ora il disimpegno com'era prima:



e com'è ora:



La seconda camera com'era prima:



E com'è ora:




La camera da letto prima, e avevo già iniziato a cancellare l'orribile colore con cui era stata verniciata in parte:




Tutta la parete di sinistra era stata dipinta del color glicine che si vede dietro il termosifone, il resto di un rosa intenso..



Abbiamo spostato l'armadio sulla sinistra, ripristinato il muretto che separava il letto dalla zona studio e che era stato rimosso dagli inquilini, ridipinto anche la testiera del letto, (nella foto sotto la vedete com'era prima:



E questo è il risultato:












Dietro il letto l'angolo studio con pianoforte..







Infine, il bagno..Purtroppo mi sono dimenticata di fotografarlo prima di cancellare il verde pistacchio/marcio con cui ne avevano dipinto il muro!

Prima:







E dopo:










Il bagno è quello che ha subito meno trasformazioni, ma abbiamo diversi progetti, vi terrò aggiornati!
Alla prossima!

P.S.  Mio marito ha levigato il parquet, lavoraccio tremendo...poi lo abbiamo verniciato lasciandolo molto naturale. 
I porta asciugamano del bagno sono fatti da una mia vecchia cintura tagliata e da un bastone da scopa in legno.

lunedì 28 marzo 2016

BENVENUTI AL B&BIA

E finalmente torno a pubblicare qualcosa. Era anche ora!

Vi racconterò di un "prima" e un "dopo" riguardanti un appartamento di Faenza lasciato dagli inquilini dopo 8 anni...trascurato, danneggiato, con rattoppi assurdi..
L'obbiettivo che ci siamo posti era di rinnovarlo senza spendere un capitale, e facendo tutto noi.

La manualità non ci manca, l'incoscienza neanche!

È stata davvero un'impresa faticosa e impegnativa, ma alla fine siamo molto contenti del risultato!

Dato che l'appartamento non è la nostra residenza abituale, abbiamo deciso di pubblicarlo su airbnb.it, per poterlo affittare solo per brevi periodi.

Il nome è una dedica a mia sorella, ispiratrice del progetto airbnb.it

Questa è la pianta della casa così come l'abbiamo rinnovata:
Inizio con la foto del living  PRIMA:



e il DOPO:










La cucina PRIMA:








e DOPO:

















l'ingresso-zona pranzo PRIMA:











e DOPO:














Per oggi vi lascio con l'immagine simbolo del B&BIA, alla prossima puntata!



P.S. :  i mobili sono tutti recuperati da noi, il divano e le sedie sono rifoderati da me, il bancone da falegname apparteneva al nonno di mio marito, la cucina è stata carteggiata da lui e verniciata da me, i comodini all'ingresso li abbiamo acquistati in una esposizione di OPERAZIONE MATO GROSSO, il tavolo e i tavolini facevano già parte dell'arredamento della casa, le cornici dorate le abbiamo trovate e acquistate in un mercatino, le cornici disegnate sono opera mia, come la lavagna con inglobato l'orologio, le luci sono opera di mio marito.. le idee, i colori, il gusto sono di entrambi..

venerdì 4 dicembre 2015

LA POLTRONCINA DIMENTICATA

C'era una volta una vecchia poltroncina, dimenticata in garage da due anni e mezzo...
Poi la proprietaria se ne è ricordata, e l'ha affidata alle mie cure.
Era piuttosto malridotta, e con un aspetto piuttosto triste:





Foderata di finta pelle, la struttura plastificata e non verniciabile, se non rimuovendo completamente la pellicola che ricopriva il ferro.

Ci è voluta tanta fatica, ma alla fine il risultato è superiore alle mie aspettative:






 























ordo


Siete d'accordo?